Archivi del mese: marzo 2010

Una certa misura di adattamento al reale

Purtroppo il mondo non va come vorremmo. Purtroppo le cose non ruotano attorno a noi e non esistono per soddisfare i nostri desideri, soprattutto se questi puntano troppo in alto, se si pongono l'aut aut "o tutto o niente", o … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 8 commenti

La torbida ora di religione di Marco Bellocchio

Dopo anni che languiva in un disco rigido esterno, ieri sera ho guardato per la prima volta L'ora di religione di Marco Bellocchio. Chi si aspettasse una dichiarazione infiammata di guerra alla religione resterebbe deluso, perché in realtà il film … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 5 commenti

La lusinga delle lusinghe

Bisognerebbe imparare a resistere alle lusinghe. Quando sono troppo smaccate non è difficile e non lo è nemmeno quando sappiamo o intuiamo che dietro ad alti elogi alla nostra persona si nasconde una chiara intenzione di ricavarne un tornaconto, soprattutto … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 3 commenti

NOMINATIO E portare con sé: la durezzadelle montagne, le sterminatepietraie, la solitudine dell'acqua.Gelidamente distante, aliena.Sapere questo, intendo, della sua esistenza.La neve, quella che resta comunquenegli anfratti a nord, in formadi luminosa lingua o guizzo.La stratificazione dello scisto, l'impastodel granito; la … Continua a leggere

Pubblicato in Le parole degli altri | Lascia un commento

La schiuma del romanticismo

Non il sentimento, ma il sentimentalismo è una chiave interpretativa della nostra epoca e una delle sue caratteristiche dominanti. Dei sentimenti li abbiamo tutti, ma non è detto che siano solo quelli a doverci guidare. La parte emotiva dell'uomo è … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 8 commenti

“Io sono l’amore”: polpettone con pretese

[Attenzione! Vi rovino il finale. Non leggete se proprio proprio volete andare a vederlo al cinema] In due delle numerose cene e pranzi che costellano Io sono l’amore, di Luca Guadagnino, c’è un’immagine che simboleggia perfettamente tutto il film: da … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 11 commenti

Neanche voi siete granché fighi

Ho letto le ultime lepidezze di Berlusconi a proposito di Mercedes Bresso, che sarebbe di cattivo umore la mattina al risveglio perché, al momento del trucco, è costretta a guardarsi allo specchio e quello che vede la deprimerebbe anzi che … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 12 commenti