Archivi del mese: marzo 2010

Ipotesi sull’irreale

Se già, come pare affermino i buddisti, questo mondo – e ciò che vi accade – è irreale e se a farci soffrire, spesso, non è quello che ci accade ma il giudizio che noi ci formiamo su di esso … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | Lascia un commento

L’Isola dei facinorosi

Qualche giorno fa tornavo a casa dalla stazione di Porta Garibaldi dopo essere stato nella città natale. Come sempre, esco dal retro della stazione e sbuco in via Guglielmo Pepe, che costeggia il binario venti. Da una ventina d'anni fa, … Continua a leggere

Pubblicato in I tentacoli della metropoli | 5 commenti

Le “professioni deliranti”

In City Boy – l’ultimo libro di Edmund White, di cui ho già scritto – mi sono imbattuto, tra le numerose perle, anche in questa: “In tutt’e tre le città [Londra, Parigi e New York] la gente esercita quelle che … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie, Le parole degli altri | 10 commenti

No, nel culo no: su certe paure maschili

[Non avendo voglia di scrivere, riproduco qui, con lievi modifiche, alcune riflessioni che avevo postato nel settembre 2004, convinto della loro attualità, per i nuovi lettori che allora ancora non conoscevano questo blog.] Più della patria, più della propria donna … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni, La gaia scienza | 12 commenti

Aldo Busi e i nani

La libertà di parola è il fondamento della democrazia e, quando si tratta di religioni e dei loro rappresentanti, la libertà di parola include quella che, dal loro punto di vista, è “blasfemia” e “irrisione”. Se chi detiene il potere … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 24 commenti

Più che mine, petardi: il nuovo fim di Ferzan Ozpetek

[Attenzione: spoiler a più non posso] Non vedevo un film di Ferzan Ozpetek dai tempi di Le fate ignoranti ma stavolta non ho voluto perdermi Mine vaganti, per colpa (o per merito) di Riccardo Scamarcio, per il quale nutro – … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 15 commenti

Radu Mihaileanu: la rivalsa del concerto

Per ridere si ride anche e le due ore scivolano via abbastanza lisce, ma Il concerto di Radu Mihaileanu non mi ha entusiasmato fino in fondo. O, per meglio dire, mi è piaciuto nel momento in cui ero in sala … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 5 commenti