Archivi del mese: novembre 2008

Il pericolo dei neo-convertiti

"In ogni uomo sonnecchia un profeta e quando si sveglia c'è un po' più di male nel mondo"E. M. Cioran, Précis de décompositionAffinché non si dica che vedo il bicchiere sempre mezzo vuoto, stavolta cercherò prima di vedere il lato … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 10 commenti

Il nemico dentro

"Non pensavo che potesse essere così bello tra due uomini" mi dice lui riferendosi a una relazione che qualche tempo prima ha avuto con un altro uomo e che è durata – mi risponde quando glielo chiedo – sette mesi. … Continua a leggere

Pubblicato in La gaia scienza | 5 commenti

Venire giù con la piena

A volte mi sorprendo da solo con certe mie ingenuità che sconfinano nell'idiozia. Oggi sono andato in piscina e ho incontrato un collega, ormai ex, del mio vecchio ufficio. So che lui andava spesso in quella piscina dove io non … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 12 commenti

Cazzi amari

Il governo annuncia che saranno cazzi amari, è il caso di dirlo. Dopo che era stata archiviata qualche anno fa, il bisogno di introiti fiscali fa ricomparire la cosiddetta "pornotax". Chi avrà voglia di materiale masturbatorio dovrà pagarlo di più, … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 4 commenti

La novantuno: living theatre

Ieri pomeriggio: neve che cade senza sosta dal mattino e che a terra diventa fanghiglia calpestata dai passanti e dalle macchine. Bisogna fare la gimcana per non affondare nelle pozzanghere ghiacciate e stare attenti a dove si mettono i piedi … Continua a leggere

Pubblicato in I tentacoli della metropoli | 3 commenti

A Teheran e al buffet: i due corni di un sogno

Racconterò il sogno di stanotte, anzi: di stamattina. Arrivo a Teheran, in vacanza, da un viaggio precedente. Forse devo incontrarmi con lui, che è già lì ad aspettarmi. Esco dalla fermata della metropolitana in corrispondenza di una "Grande Moschea". E' … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 3 commenti

La solitudine del mattino

In queste settimane sto andando in ufficio alle nove di mattina. Siccome abito a dieci minuti di bicicletta dal posto di lavoro potrei svegliarmi anche all'ultimo minuto e invece preferisco alzarmi presto, puntando la sveglia alle sette o alle sette … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 6 commenti