Archivi del mese: maggio 2009

Ricordati di allacciarti le scarpe

Una relazione amorosa è – pensavo – come le stringhe delle scarpe. A un certo punto il nodo si allenta e non ce ne accorgiamo. Continuiamo a camminare finché, abbassando all'improvviso lo sguardo, vediamo che una scarpa si è slacciata … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 5 commenti

Coccodrillo

E' morto Nantas Salvalaggio. A me piace ricordarlo così, in un momento di grande fulgore.

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | Lascia un commento

Barone per un giorno

Una "lettrice affezionata" mi scrive una mail per dirmi che ha preso trenta a un esame di letteratura tedesca dopo avere attinto in abbondanza alle cose che ho scritto su vari autori tedeschi. Ma che cosa insegnano oggigiorno nelle università, … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, Germanica | 3 commenti

Il gay radar funziona?

Sul solito sito di incontri gay, dove ormai mi capita più che altro di incontrare gente che già conosco o che addirittura legge questo blog, vedo una faccia che mi sembra di conoscere. Anzi, ne sono certo: lo riconosco soprattutto … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, La gaia scienza | 4 commenti

Quell’Anticristo di Lars

[A vostro rischio e pericolo: spoiler come se piovesse] Ieri sera io e lui siamo andati a vedere Antichrist, il nuovo film di quel buontempone di Lars Von Trier. Nel prologo vediamo un uomo (Willem Defoe) e una donna (Charlotte … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 7 commenti

Su un malinteso e lezioso concetto di vergogna

Mi vergogno di essere italiano – sento dire spesso. Io no, non mi vergogno di essere italiano, perché per me questo è un fatto puramente accessorio, non un elemento sostanziale nella definizione che io do di me stesso. Persino la … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 3 commenti

Ma a me che importa di Gantenbein?

"Das ist genial!" mi aveva detto M.H., usando l'espressione tipica che riserva alle opere che gli sono piaciute in maniera particolare. Si riferiva a Mein Name sei Gantenbein (Il mio nome sia: Gantenbein) di Max Frisch, uno dei massimi scrittori … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | 2 commenti