Archivi del mese: maggio 2008

Della domesticità e della fuga

Sabato scorso, dopo aver pranzato con M.S. a casa sua, mi sono accasciato sul divano e facendo zapping in televisione mi sono fermato a guardare qualche scena di un film con Totò – per la cronaca, si trattava di Destinazione … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 3 commenti

Che cosa sapevano? Una storia orale della Germania nazista

Sterminata è la bibliografia dedicata al nazionalsocialismo nei suoi vari aspetti e numerosi autori, soprattutto negli ultimi anni, hanno spostato l'attenzione dai grandi protagonisti alle persone normali. E' uscito da poco un altro volume che si occupa con ancora maggior … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Come una madonna

Siccome nessun altro era disponibile, stamattina sono dovuto venire in ufficio a – come si dice – "somministrare" le prove per la selezione di due nuovi interinali. Ho provato un sincero moto di pietà quando mi sono trovato davanti la … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti

Caduta e rinascita dell’individuo nell’unico romanzo di Eugène Ionesco

Pochi giorni fa ho recuperato e riletto un libro che avevo comprato e letto per la prima volta quasi vent'anni fa. Si tratta di Il solitario, l'unico romanzo scritto dal franco-romeno Eugène Ionesco, altrimenti più noto nelle vesti di drammaturgo, … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Essere italiani non mette al riparo dall’imbecillità

1 Nell'edizione milanese di Repubblica di ieri c'era un servizio dedicato alla sosta selvaggia a Milano, con tutti i problemi che questa causa, soprattutto ai tram che, dovendo transitare e vedendosi le rotaie invase dalle automobili parcheggiate lì sopra, sono … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 8 commenti

Sbudellamenti nipponici: “Ichi the Killer”

Il film dell'orrore ha, con la realtà, più o meno lo stesso rapporto della pornografia. O forse, in generale, entrambi i generi sono il limite estremo della rappresentazione cinematografica della realtà, perché mettono a nudo il rapporto tra verità e … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 6 commenti

Stefano Livadiotti, “L’altra casta”

In L'altra casta Stefano Livadiotti spende circa duecento pagine per farci sapere che l'acqua bolle a cento gradi. Fuor di metafora, quello che il giornalista dell'Espresso scrive su "privilegi, carrieri e misfatti da multinazionale" del sindacato è, in parte, cosa … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 1 commento