Archivi categoria: Due giri intorno al mio ombelico

L’angoscia del ricordo

Se a volte mi sovvengono episodi del mio passato e, soprattutto, della mia infanzia, e se mi capita di indugiarvi più a lungo di quanto la momentanea e involontaria rievocazione richieda, avverto una specie di fitta. Allora stringo i denti, … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti

Bilancio provvisorio per il 2013

Siccome è appena passato Natale, fuori piove e l'anno declina assai poco dolcemente, è l'ora di tirare qualche bilancio. Il 2013 è stato un anno orribile, ma mi consolo pensando che finisce meno peggio di quanto fosse cominciato. Non m'interessano … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 9 commenti

La potenza dei padri

Da un punto di vista squisitamente simbolico il padre rappresenta la potenza, anche quando la reale figura paterna è sempre stata tutt'altro che potente. Il tracollo di un padre, specie se improvviso, lascia il figlio sgomento. Anche se il rapporto … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti

La cura del maschio

Ancora oggi, a distanza di vent'anni, mia madre è capace di sorprendermi con certe sue uscite. Mi sorprende, ma in un certo senso la comprendo. Nei primi giorni della malattia che ha colpito mio padre, quando ancora non si sapeva … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 3 commenti

In limine mortis

Di fronte a una malattia totalmente invalidante, di fronte a una morte incombente e rimandata di giorno in giorno solo grazie a un inefficace accanimento terapeutico, di fronte a una vita ridotta a puro fatto biologico in cui l'individuo è … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni, Due giri intorno al mio ombelico | 2 commenti

L’amante assente

L'amante assente ha un vantaggio manifesto che gli deriva proprio dalla sua assenza. Quando è presente, lo è anche con i suoi limiti, ma quando non c'è più – e soprattutto se non c'è più modo di recuperarlo perché la … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, Il sesso pensato | 1 commento

Ovunque va bene

Gli ultimi giorni in cui ero a Berlino, nemmeno tre settimane fa, meditavo di scrivere qualcosa sulla perdita del fascino esercitato dalla città su di me e su come una certa sciatteria – cifra dominante di gran parte di Berlino … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 3 commenti

A qualcuno che parte

A volte alcune cose accadono così in fretta e in modo così inaspettato da lasciarti con un senso d'irrealtà. Sta succedendo davvero o me lo sto sognando? Immagino come si senta, quindi, chi ne è direttamente coinvolto in prima persona, … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti

Una guerra

E' una guerra, in realtà, e solo a intermittenza ci accorgiamo di essere nel bel mezzo di un combattimento. Per lo più lo dimentichiamo, perché altrimenti non potremmo vivere. Quando qualcosa ce lo ricorda e vediamo i caduti intorno a … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 1 commento

Un blog: il punto della situazione

Tra i commenti del post precedente ce n'era uno che, pur non avendo nulla a che fare con l'argomento, mi faceva alcune domande sulla natura del mio blog e sulla funzione della mia scrittura. Tralasciando il fatto che non riesco … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 5 commenti