Archivi del mese: aprile 2012

“Lourdes”: il miracolo come anti-climax

Con il suo film del 2009 Lourdes la regista austriaca Jessica Hausner racconta due miracoli: uno che si realizza e un altro che invece non si verifica. Il primo è quello più ovvio che ci si aspetta da un pellegrinaggio … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

“Asta’s Book”: doppio mistero e affresco sociale

Ho finito ieri di leggere Asta's Book di Ruth Rendell – pubblicato con l'alter ego Barbara Vine -, che mi ero portato come "lettura d'intrattenimento" a Londra. E' un romanzo splendidamente costruito, un mystery atipico: troppo lento per farsi leggere … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 4 commenti

Londra è sempre Londra (e io sono sempre io)

E anche stavolta Londra è andata. Un soggiorno senza particolari programmi, da parte mia, se non il desiderio di essere ancora lì, perché più passa il tempo e più divento abitudinario. Abbiamo scelto – io e M. – un albergo … Continua a leggere

Pubblicato in Il corpo altrove | 4 commenti

Chiuso per ferie – Closed for holidays

Cadavrexquis resta chiuso per ferie da oggi fino al 18 aprile. Salvo, naturalmente, incursioni estemporanee a cui non saprò resistere.

Pubblicato in Il corpo altrove | 3 commenti

Com’è italiota la Lega

E così in questi giorni ci siamo sollazzati con la telenovela gentilmente offertaci dalla Lega Nord, un nuovo episodio della serie “Incompetenza e corruzione”, ennesima replica, niente di nuovo sotto l’italico sole che continua a splendere, implacabile, sul letamaio della … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis, Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 1 commento

L’irruzione della bellezza

Qualche giorno fa eravamo al ristorante e avevamo già finito di mangiare quando è entrato un gruppo di tre ragazzi e una ragazza. Uno di loro, sedendosi, si è chinato e gli si è sollevata la maglietta. Avendo già i … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 2 commenti

Il vecchio tricheco colpisce ancora

Günter Grass è un vecchio trombone: credo non si sia più ripreso dalla bastonata che ha preso quando lui e pochi altri si opponevano all'unificazione dei due stati tedeschi. Esponente della tipica sinistra paternalista che sa meglio dei diretti interessati … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Incursioni nella polis | 1 commento