Archivi del mese: aprile 2007

# 29 (Nel paese delle nebbie e delle piogge)

Io e te, indissolubilmente uniti da una vita, avevamo deciso di fare un viaggio, stanchi del paese dove risiedevamo ormai da troppo tempo. Abbiamo raccolto le nostre cose, poche perché pensavamo di partire leggeri. Eravamo certi che là dove saremmo … Continua a leggere

Pubblicato in Dissezioni

"Ne plus se donner, c’est se donner encore. C’est donner son sacrifice."Marguerite Yourcenar, Feux (Fuochi), 1935 ("Non darsi più, è darsi ancora. Significa dare il proprio sacrificio" – Traduzione di Maria Luisa Spaziani)

Pubblicato in Le parole degli altri

A volte bisogna saper cedere

Quindici gocce stanotte prima di andare a letto: speravo che mi tramortissero, ma mi sono addormentato più o meno nello stesso tempo di sempre, senza che impedissero ai miei pensieri di fare il loro girotondo senza via d’uscita. Dieci gocce … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico

Ora, mente, posa

The fascination of what’s difficult William Butler Yeats The fascination of what’s difficultHas dried the sap out of my veins, and rentSpontaneous joy and natural contentOut of my heart. There’s something ails our colt That must, as if it had … Continua a leggere

Pubblicato in Le parole degli altri

Shock # 15

La mente fatica ad abbracciare il tutto. Sono i dettagli che si conficcano nella carne e, a volte, basta un movimento brusco perché tutto torni a bruciare. Mi sveglierà di colpo un rimpianto improvviso, un’ipotesi sfuggita alla rassegnazione, o, in … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico

Shock # 14

Se credessi in un dio, gli chiederei di farmi disamorare. Ma qual è il dio che potrebbe esaudire una preghiera simile? E se non la esaudisse, sarei ben contento di non essere stato soddisfatto.

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico

Shock # 13

Non esiste il "modo giusto" per respingere chi si propone come amante. Qualunque strategia venga messa in atto non annulla la sofferenza, ma anzi la moltiplica, perché in ognuna di esse chi viene respinto trova un vizio di forma. Corrodendola … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico