Archivi del mese: dicembre 2011

I cinquanta nomi per la neve di Kate Bush

Chiudetevi in casa, sprangate le porte, abbassate le tapparelle e, nella penombra, ascoltate il nuovo album di Kate Bush, 50 Words for Snow, una delle più belle sorprese musicali di questo 2011 che volge al termine e sicuramente la cosa … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 3 commenti

Il buon padre

Qualche anno fa – doveva essere proprio il periodo di Natale – mia madre mi fa, di punto in bianco, guardandomi con aria ispirata: "Saresti stato un ottimo padre". O qualcosa del genere: se le parole non erano esattamente queste, … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 1 commento

“Antikörper”, il contagio del male

Berlino, una squadra speciale della polizia fa irruzione in un appartamento e arresta un uomo nudo che, con il sangue dell'ultima vittima – un ragazzo ancora disteso su un lettino -, sta dipingendo un quadro. E' un'operazione spettacolare e l'uomo, … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | 1 commento

Non chiudete il vostro cuore al Natale…

… perché non è detto che dal camino non scenda un Babbo Natale così ad allietarlo (il vostro cuore e il vostro Natale). Vorrete mica farvi trovare impreparati? …

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti

“De avonden”, il romanzo ‘natalizio’ di Gerard Reve

Ho finito di (ri)leggere De avonden (Le sere), il romanzo di debutto di Gerard Reve. In realtà non l'ho propriamente "letto", ma l'ho "ascoltato" nella registrazione che ne fece l'autore stesso per la radio olandese VPRO nell'ottobre del 1991 e … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

“The Shrine”, esorcismi in salsa polacca

Per gli americani l'Europa centrale dev'essere una specie di antro oscuro dove si consumano chissà quali efferatezze. Almeno questa è l'immagine che viene trasmessa da certi film horror prodotti negli Stati Uniti, a partire dal dittico di Hostel. E se … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

“The Artist”, una dichiarazione d’amore al cinema muto

The Artist è, al contempo, un'operazione intellettuale raffinata e un film d'intrattenimento. Ci vuole coraggio, infatti, a girare un film muto (e in bianco e nero) ai nostri giorni – con il rigore filologico del regista Michel Hazanavicius, per di … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 1 commento