Archivi del mese: novembre 2011

Essere liberi anche nella fine

Lucio Magri ha scelto il suicidio assistito in Svizzera. Muore da uomo libero, perché anche decidere di togliersi la vita è affermare, in maniera estrema, la propria libertà. Curiosamente, Vittorio Feltri scrive oggi un editoriale insolitamente bello alla scelta di … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 1 commento

Crescere nel nazismo: l’autobiografia di un ragazzo tedesco

Che cosa significa assistere in diretta alla nazificazione del proprio paese, la Germania? E come ci si sente, se si fa parte di quella percentuale di tedeschi che sin dall'inizio hanno riconosciuto la natura del nazismo? Una testimonianza, molto dettagliata … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Una suspense senza eventi: la casa del demonio

Non so che cosa pensare di The House of the Devil, un film horror di Ti West che ho visto qualche sera fa. Se considero l’intreccio e provo a riassumerlo, mi rendo conto che è ben povera cosa. L’idea alla … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

“Kaboom”, la bomba adolescenziale di Gregg Araki

Kaboom è, in inglese, il termine onomatopeico che evoca l'esplosione di una bomba ed è anche il titolo del film più recente di Gregg Araki, regista anche di Mysterious Skin. Presentato a Cannes l'anno scorso, non è ancora uscito in … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 2 commenti

“Anonyma” e gli ultimi giorni della Berlino nazista

Anonyma, Eine Frau in Berlin (Anonima, Una donna a Berlino) è un film del 2008, ambientato a Berlino, negli ultimi giorni della Seconda guerra mondiale. Siamo alla fine di aprile del 1945, la protagonista è una donna (Nina Hoss), una … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Più sfere di cristallo per tutti

Ho assistito alla fine del governo Berlusconi, all'assegnazione dell'incarico a Monti e alla formazione del nuovo governo come si assisterebbe a un'appassionante telenovela (magari con il titolo: "Mamma, mi si è allargato lo spread"). Non voglio esprimermi su tutti quelli … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis, Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 1 commento

I “piccoli uomini” di Fallada nella Berlino nazista

Ha una storia complicata l'ultimo romanzo scritto dal tedesco Hans Fallada, Jeder stirbt fuer sich allein (Ognuno muore solo), pubblicato per la prima volta nel 1947, l'anno stesso in cui è morto l'autore. Quella versione, però, era stata notevolmente mutilata … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | 6 commenti