Archivi del mese: giugno 2008

A margine del Gay Pride 2008

 (Foto Emmevì – dal Corriere della Sera) Ieri sera, leggendo online i primi reportage dal Gay Pride nazionale – che quest’anno si è tenuto a Bologna -, ho provato una punta d’invidia per chi c’era e di malinconia per non … Continua a leggere

Pubblicato in La gaia scienza | 18 commenti

Era meglio se moriva prima (*)

“Meglio uno di destra che va con le donne, di quelli di sinistra che vanno coi culattoni”Umberto Bossi, ministro delle Riforme per il federalismo (da Repubblica di oggi) (*) Non se ne abbia a male: è solo una forma di … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 4 commenti

Pedalando senza fretta…

Il destino crudele si accanisce su di me, in fatto di biciclette. No, non mi hanno rubato per l’ennesima volta la bicicletta – l’ultima – comprata tre mesi fa. L’ho soltanto dovuta portare a riparare, perché mi ero accorto che … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, I tentacoli della metropoli | 4 commenti

“India per signorine”: l’anti-travelogue di Rosa Matteucci

Da qualche parte – non ricordo più dove e quindi cito a memoria – Alberto Arbasino si faceva beffe di quei gonzi italiani che, a frotte, vanno in India nella speranza di entrare in contatto con la spiritualità più elevata … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 3 commenti

28 giugno 1969-28 giugno 2008: “Stonewall”

Mancano quattro giorni al 28 giugno e al Gay Pride nazionale, che quest'anno si tiene a Bologna. Purtroppo non potrò esserci perché questo sabato lavoro, ma idealmente sono di quelli che pensano che resti un evento importante, tanto più di … Continua a leggere

Pubblicato in La gaia scienza, Visti, letti, ascoltati | 2 commenti

C’è nell’aria un certo non-so-che, come una voglia di fascismo…

Venerdì ho pranzato con M. in una tavola calda di via Tadino, dove abbiamo visto in azione il ventre molle del paese, assistendo a una scenetta non molto edificante. Erano più o meno le due e un quarto e il … Continua a leggere

Pubblicato in I tentacoli della metropoli, Incursioni nella polis | 11 commenti

Domande pleonastiche

In "Il questionario" di Io Donna del 21 giugno – "liberamente ispirato al famoso gioco di Marcel Proust" – Paolo Di Stefano chiede a Roberto Bolle: Se dovesse cambiare qualcosa nel suo fisico?"Mi accetto come sono, direi" … e ci mancherebbe … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 4 commenti