Archivi del mese: luglio 2011

“Sul tradurre”. Esperienze di traduzioni “nobili”

Susanna Basso è una traduttrice "nobile" e "privilegiata" – e non lo dico in senso spregevole, ben inteso. Il suo privilegio – o, per essere più preciso, la sua fortuna – è di aver tradotto un sacco di importanti autori … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Eloy de la Iglesia: giochi di dominio sociale

Sotto le mentite spoglie di un film "erotico", Juego de amor prohibido di Eloy de la Iglesia è un apologo politico, hobbesiano, che non si fa illusioni sulla natura umana e sui meccanismi di potere che reggono la società. Il … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 1 commento

Il vento dell’utopia e il muro della realtà

There is no such thing as a free meal: non esistono pasti gratuiti. Forse dovrebbero ricordarselo più spesso, quelli che promettono e quelli che recriminano. Invece fanno finta di niente – oppure lo sanno benissimo ma preferiscono non dirlo, per … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 7 commenti

A margine di una tragedia

Dopo il duplice attacco terroristico che ha insaguinato la Norvegia, il primo pensiero corre ai novanta innocenti morti senza motivo e senza colpa. Questa tragedia fa impallidire qualsiasi commento, che non servirà di certo né a restituire loro la vita, … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 7 commenti

“Tras el cristal”: il contagio del male

Nella mia costante ricerca di film horror, che non disdegna puntatine anche nel trash, sono capitato su una pellicola non propriamente ascrivibile a questo genere. Non sapendolo – l'avevo trovato classificato come tale -, ho provato lì per lì una … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 3 commenti

Inquietudine da sogno

Stanotte – o forse già stamattina – sono stato tormentato da un intricatissimo sogno che sembrava non volere finire più, anche se una parte di me sapeva che stava sognando e che sarebbe bastato che mi alzassi perché tutto si … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 1 commento

“Gli assassini sono tra di noi”, Berlino 1946

"Gli assassini sono tra di noi" – Die Mörder sind unter uns -, girato da Wolfgang Staudte nel 1946, è il primo film tedesco del dopoguerra ed è interamente ambientato in una Berlino completamente devastata dai bombardamenti. Trümmerfilm, ovvero "film … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento