Archivi del mese: ottobre 2005

Suggerimenti di lettura: “La pelle fredda” di Alberto Sánchez Piñol

Un paio di anni fa avevo letto (nella traduzione in castigliano, perché l’originale è in catalano) un romanzo intitolato La pelle fredda, di un autore debuttante: Alberto Sánchez Piñol. Era una lettura su incarico, per conto di una casa editrice. … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Di che cosa parlano gli uomini?

Leggendo "La possibilità di un’isola" di Michel Houellebecq, m’imbatto – a pagina centonove – in questa frase: "Se non ci fossero le auto, c’è da chiedersi davvero di che cosa potrebbero parlare gli uomini", intendendo gli uomini nel senso di … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 8 commenti

Due pesi, due misure

L’antefatto è noto: il presidente iraniano Ahmadinejad ha proclamato, davanti a tremila studenti, che Israele dev’essere spazzato via dalla carta geografica. Ma non è questo che voglio commentare (tra l’altro pare che, dopo la condanna unanime dell’Unione Europea, abbia fatto … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 14 commenti

Ferrovie e misantropia

Maledette siano le Ferrovie dello Stato e i ferrovieri tutti, che negli ultimi anni altro non hanno fatto se non cambiare il nome della società, convinti che magicamente il mutamento nominale avrebbe indotto un mutamento sostanziale. Prendo sempre più raramente … Continua a leggere

Pubblicato in I tentacoli della metropoli, Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 5 commenti

“Anatomia della battaglia”, Giacomo Sartori

In Anatomia della battaglia, di Giacomo Sartori, ci sono un padre che muore e un figlio che s’interroga sul rapporto con quel padre così problematico, un padre dal quale è fuggito tutta la vita per costruire la propria identità in … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Mercoledì al cinema: Texas

Ci vado, mi sono detto. Ci vado, al cinema di mercoledì pomeriggio, perché se no, con le poche sere libere che ho, finisce che Texas, il primo film di Fausto Paravidino, non lo vedo più. E così mercoledì pomeriggio sono … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 1 commento

Aria (pestilenziale) dei tempi

1. Emanuele Severino – settantasei anni – ha accettato una cattedra di filosofia all’Università S. Raffaele di Milano, l’università privata di Don Luigi Verzè legata all’ospedale San Raffaele e a sua volta sponsorizzata da chi si sa. Nel suo discorso … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 19 commenti