Archivi del mese: marzo 2006

Vado a sciacquarmi le palle nel Tamigi

    Domani mattina si parte: piglio il solito volo low-cost, da Bergamo, e vado a Londra. Non sono mai andato così tanto a Londra, da quando c’è Ryanair, che sia benedetto Michael O’Leary. Spero così di tirare un po’ … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 3 commenti

Non c’è bisogno di dare un senso all’esistenza. Soprattutto, non c’è bisogno di farselo dare da qualcun altro. Esistere è più che sufficiente: tutto il senso è in quel "più che", nel senso che a volte è anche troppo. * … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | Lascia un commento

Il soffritto e la cura dei bambini

Oggi sono andato a G. e, prima di partire, alla stazione di Porta Garibaldi ho preso Metro, il quotidiano gratuito. Nella pagina delle lettere e delle opinioni ho trovato questa lettera, che riporto integralmente: "Vorrei da questa pagina esprimere un … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 2 commenti

“Laici in ginocchio”

"I discorsi dei religiosi sono pieni di falsità, distorsioni, imposture e propaganda, come quelli di altre agenzie di consenso: la cultura laica deve promuovere la critica di quelle cose. Una società laica è quella in cui è possibile smascherare le … Continua a leggere

Pubblicato in Le parole degli altri

Il mondo a rovescio, ovvero: muovere a pietà per negare dei diritti

Io l’ho visto arrivare e mi ricordo anche quando. Era il 1989, un giorno di settembre o di ottobre, ed ero in Germania. A Magonza. Ero seduto a tavola e c’era la televisione accesa su qualche telegiornale tedesco. Si stava … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 7 commenti

Alan Hollinghurst: la linea della “bruttezza”

E’ trascorso solamente un quarto di 2006 ma sono già in grado di dire qual è il libro più brutto che ho letto quest’anno. Può darsi che i nove mesi che restano mi riservino qualche sorpresa, ma una menzione – … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 3 commenti

Sabato, Niguarda e notte bianca

Per andare a teatro, io e M. prendiamo il tram numero cinque che parte da piazza IV Novembre, a fianco della stazione centrale. Il Teatro della Cooperativa si trova a Niguarda, che è una delle zone di Milano che non … Continua a leggere

Pubblicato in I tentacoli della metropoli | 4 commenti