Archivi del mese: novembre 2005

Tre film

Ieri ho approfittato di un giorno di ferie – ferie per modo di dire, perché pur restando a casa ho tradotto qualche pagina – e ho guardato, tra dvd e videocassette, tre film. Un record finora imbattuto, che merita un … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 10 commenti

Linguaggio e conservazione

I credenti che obiettano che chi pur proclamandosi ateo bestemmia o "pronuncia il nome di Dio invano" è, in fondo in fondo, anche lui religioso, perché se non ci credesse non sentirebbe poi tutto questo bisogno di associare il nome … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 11 commenti

Non è che non avrei niente da dire, solo che quando penso a quello che potrei dire, mi sembra un venticello che soffia su un terreno rinsecchito, un prato riarso, una steppa. Non sarà questa brezza a rianimare una natura … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | Lascia un commento

L’ipocrisia del potere in “Misura per misura”

Un governante finge di abbandonare il paese e lascia il potere a un suo sostituto. In realtà resta e, travestito da frate, si aggira tra i suoi sudditi per vedere come agisce il suo sostituto "in sua assenza". Quest’ultimo imprime … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | Lascia un commento

Appunti sulla pornografia # 5

9 La pornografia ha la capacità di sterilizzare l’atto sessuale ed è estremamente adatta per chi, frigido e voglioso allo stesso tempo, prova desiderio per dei corpi ma non li vorrebbe del tutto umani o, per meglio dire, li vorrebbe … Continua a leggere

Pubblicato in Appunti e riflessioni | 4 commenti

Félix Luis Viera: omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro

I gulag di Stalin non sono più un segreto da tempo, mentre dei gulag di Fidel Castro poco si sa. Dipende forse dal fatto che Stalin è ormai morto e putrefatto, mentre Castro regna ancora imperterrito su Cuba? Mi stupisce, … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 4 commenti

Trivia (ovvero: nelle acque profonde affogo)

Mi sono svegliato alle sette e mezzo, dopo sei ore di sonno (nulla, per me), e sono andato in ospedale per un’ecografia. Con largo anticipo, perché io sono fatto così. Mentre aspetto – sala d’attesa confortevole, devo dire, sembrava la … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico, I tentacoli della metropoli | 5 commenti