Archivi del mese: dicembre 2005

Goodbye, auf Wiedersehen

A partire da oggi, per qualche giorno trascinerò le mie cadaveriche membra lontano da questi lidi. Anzi, tra poco mi parte il treno… meglio che esca di casa. Non vado lontano e torno presto: il primo gennaio sarò di nuovo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Divagazioni: 24, 25 e 26 dicembre

Il primo e forse unico evento di rilievo da segnalare, in questi giorni appena trascorsi, è che ho preso quattro treni ed erano tutti e quattro puntuali. Città di B. Alla stazione ci sono quasi solo stranieri la mattina del … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 2 commenti

Che cosa (non) danno in televisione

Ieri sera, a casa dei miei, ho guardato in televisione un "blob" interamente dedicato a Berlusconi (titolo: "Nababbo Natale") e ai suoi exploits cabarettistici. Non l’ho nemmeno guardato per intero, ma a spizzichi e bocconi, cambiando spesso canale, tanta era … Continua a leggere

Pubblicato in Incursioni nella polis | 7 commenti

Poste Italiane Spa

Un pacchetto dalla Francia: spedito il 24 novembre, mi è stato consegnato il 20 dicembre. Tempo di percorrenza: 26 giorni.Ma soprattutto: una lettera, spedita il 13 dicembre da Cremona, mi è stata consegnata ieri, 23 dicembre. Tempo di percorrenza: 10 … Continua a leggere

Pubblicato in Irritazioni, disgusti, idiosincrasie | 2 commenti

La mia Berlino, la nostra Berlino

Ho accantonato – perché me ne manca il tempo e perché sono impegnato in altri lavori di scrittura, più o meno forzati –  il progetto di scrivere “qualcosa” su Berlino, cioè sulla mia personale storia d’amore con questa città, cominciata … Continua a leggere

Pubblicato in Germanica, Le parole degli altri, Visti, letti, ascoltati | 2 commenti

“Tradurre l’inglese” di Tim Parks: riflessioni sulla traduzione letteraria

Il traduttore letterario, più o meno esperto, sogna il manuale per eccellenza, quel manuale che – come i manuali di istruzioni dei macchinari – gli insegnino a fare la traduzione perfetta o che, almeno, gli suggeriscano tutti quei trucchi che … Continua a leggere

Pubblicato in Visti, letti, ascoltati | 1 commento

Divagazioni egotistiche

I Qualunque cosa io faccia, mi sento sempre, nei confronti degli altri – di alcuni altri, preciso, perché non posso relazionarmi a tutta l’umanità -, un po’ in colpa. In questo strano senso di colpa mi ci rotolo: amo tormentarmi, … Continua a leggere

Pubblicato in Due giri intorno al mio ombelico | 4 commenti