Senza schiuma, grazie

Questo tempo improvvisamente autunnale mi fa rinchiudere in me stesso e mi riporta brandelli di passato (anche recente), da masticare come una radice indigesta e ormai sfilacciata. Così, dopo che da qualche giorno ci rimuginavo sopra sfuggendo a ogni sensata razionalizzazione, mentre oggi ero sotto la doccia in palestra, ho avuto come una folgorazione: per lui io sono come la schiuma del cappuccino. Se c’è, bene: il cappuccino ha qualcosa in più. Se non c’è, pace e amen: il cappuccino resta cappuccino, ma mica uno si mette a fare storie perché c’è poca o niente schiuma. (Per non dire che c’è chi il cappuccino se lo fa fare apposta senza schiuma e non vorrei che lui fosse uno di quelli.)

Questa voce è stata pubblicata in Due giri intorno al mio ombelico. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Senza schiuma, grazie

  1. Steve ha detto:

    Uhm… caro il mio Stefano… dal punto di vista ontologico un cappuccino senza schiuma non è un cappuccino. Semmai è un latte macchiatto o un caffelatte. Il punto è se tu sei ciò che lui chiede e se lui è ciò che chiedi tu, posto che secondo se molto di più una semplice schiuma il cui piacere si esaurisce già al primo sorso…
    p.s. se chiedo un cappuccino e me lo servono senza schiuma io lo mando indietro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...